ModalitĂ  di presentazione dell'istanza di emersione (Sanatoria 2020)

U publikuan sot ne Gazzetta Ufficiale sqarimet e shumepritura nga ministrite e interesuara nga procedura e “amnistisĂ«” per te huajt (sanatoria).
⏳ Konfirmohen datat e meparshme per kerkesat qe do te mund te paraqiten nga ora 07:00 e 1 qershorit deri ne oren 22:00 te 15 korrikut 2020.
? Aktualisht, kostoja qe duhet te paguaje punedhenesi per legalizimin e nje punetori, eshte e percaktuar ne € 500,00, ndersa te ardhurat qe punedhenesi duhet te kete deklaruar jane vendosur ne € 20.000,00 (punedhenes qe jeton vetem) ose € 27.000,00 (punedhenes me familje) ne rastin e punes familjare (colf e badanti). Personat (punedhenesit) me aftesi te kufizuara qe jetojne vetem dhe kane nevoje per shoqerues ose ndihmes, nuk duhet t’i permbahen kushtit te mesiperm.
Ne te gjithe sektoret e tjere, nderrmarja punedhenese duhet te kete deklaruar te pakten € 30.000,00 qe te rezultojne nga bilanci, deklarata e te ardhurave, etj.

?Risija me e rendesishme qe sjell dekreti i publikuar sot, i perket sektoreve per te cilet “amnistia” eshte e mundur. Pervec sektoreve qe ishin parashikuar ne dekretin e publikuar para rreth dy javesh, dihet sot qe “amnistia” mund te kerkohet edhe per disa figura pune te vecanta si, per shembull:

  1.  Portier pallati;
  2. Prodhim pijesh alkolike;
  3. Prodhim embelsirash;
  4. Agriturizem;
  5. Mbareshtim i kafsheve shtepiake;
  6. Kopshtari dhe mirembajtje te peisazhit.

Jane edhe nje seri aktivitetesh, qe duhen verifikuar ne baze te kodit ATECO perkates, qe lejojne aplikimin e amnistise.
Per thellime dhe informacione me te detajuara, lexoni postimin tim, te para disa diteve, dedikuar “amnistise” per te huajt.

? Sono stati pubblicati oggi, in Gazzetta Ufficiale, i tanto attesi chiarimento dei ministeri coinvolti dalla procedura della sanatoria.
⏳ Sono, in sostanza, confermate le date per la presentazione delle richieste che può avvenire dalle ore 07:00 del 1° giugno alle ore 22:00 del 15 luglio 2020.
? Attualmente, il costo che il datore di lavoro deve sostenere per la “legalizzazione” di ogni dipendente, è stato stabilito in € 500,00, mentre il reddito che lo stesso deve aver dichiarato è stato stabilito in € 20.000,00 (datori di lavoro che vivono soli) oppure € 27.000,00 (datori di lavoro con famiglia) per quanto riguarda il caso del lavoro in ambito famigliare (colf e badanti). I datori di lavoro affetti da patologie o disabilità che ne limitano l’autosufficienza, sono esentati dal rispetto dei requisiti reddituali di cui sopra.
Nei restanti settori, il datore di lavoro deve aver dichiarato un reddito di almeno € 30.000,00 che risulti dall’ultimo bilancio, dichiarazione dei redditi, ecc.
? La novità principale introdotta dal decreto oggi pubblicato, tuttavia, è costituita dai settori di lavoro che rendono possibile la sanatoria. Oltre ai settori già noti dopo il Decreto Rilancio, oggi si può dire che è possibile ottenere la sanatoria anche riguardo a figure di lavoro alquanto particolari come, ad esempio:
– Portinai di condomini;
– Produzione di bevande alcooliche;
– Produzione di pasticceria;
– Agriturismi;
– Allevamento di animali domestici;
– Giardinaggio e manutenzione del paesaggio.
Vi sono, poi, tutta una serie di attivitĂ , da verificare in base al codice ATECO, che consentono di accedere alla sanatoria